REGOLE TECNICHE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI CONTO ENERGIA

REGOLE TECNICHE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI CONTO ENERGIA

Chi non segue le regole rischia di perdere l'incentivo

(07/05/2015)

 

 

Dopo aver avviato una consultazione pubblica il 23 febbraio 2015, il GSE ha pubblicato in questi giorni il Documento Tecnico di Riferimento per il mantenimento degli incentivi in Conto Energia, che in parte recepisce le osservazioni e le proposte avanzate dagli Operatori e dalle loro Associazioni.

 

Il documento definisce le regole da seguire perché venga garantita la corretta gestione in efficienza degli impianti incentivati con il conto energia, nel rispetto della normativa vigente, e definisce le modalità che i soggetti responsabili (o titolari) sono tenuti a seguire per mantenere il diritto agli incentivi.

 

Particolarmente rilevante, è l'aspetto relativo alle modalità introdotte per non superare il tetto di 6,7 miliardi di € all'anno di incentivi raggiunto a luglio 2013; infatti, il documento definisce un valore limite degli incentivi attribuibili a ciascun impianto, che durante il periodo di incentivazione sia interessato da modifiche che comportino un incremento di producibilità, ferma restando la valorizzazione di tutta l’energia elettrica immessa in rete a condizioni di mercato.

 

In particolare, non sono incentivabili gli interventi che comportino incrementi della producibilità dell’impianto ad eccezione di quelli che rientrino nei limiti derivanti dal calcolo della soglia massima di energia incentivabile. Il valore della soglia è calcolato come segue:

·         impianti con decorrenza dell’incentivo di almeno 3 anni: valore massimo dell’energia prodotta, su base annua, degli ultimi 3 anni solari, incrementato del 2%;

·         impianti con decorrenza dell’incentivo inferiore a 3 anni: valore di producibilità determinato in base alla stima delle ore di produzione regionali, Tabella 1 del decreto del Ministro dello Sviluppo Economico 16 ottobre 2014.

 

Il documento descrive, infine, modalità e tempistiche di comunicazione al GSE delle modifiche apportate agli impianti incentivati, con riferimento anche agli interventi già conclusi prima della pubblicazione del documento, nonché a quelli in corso di realizzazione.

 

Pertanto, la gestione degli impianti fotovoltaici sta diventando sempre più impegnativa.


Documenti:

 
Documento Tecnico
 


RICERCA

Confindustria Energia Adriatica Soc. Cons. a r.l.
Contatti