ENERGIA ELETTRICA 2015: IN CALO PREZZI ED ONERI

ENERGIA ELETTRICA 2015: IN CALO PREZZI ED ONERI

Con il nuovo anno calano le bollette di energia elettrica del 10% circa per effetto della bassa domanda e della riduzione repentina prezzo del petrolio. In calo anche gli oneri di sistema obbligatori grazie al decreto “taglia bollette”.

(19/01/2015)

Come anticipato con nostra precedente circolare, confermiamo che, grazie al decreto legislativo 91/14, meglio noto come “taglia bollette”, l'Autorità dell'Energia Elettrica ed il Gas con propri provvedimenti ha attuato il piano di riduzione degli oneri di sistema da gennaio 2015 previsto dal Governo, che possiamo così sintetizzare:

-          per imprese in media tensione (non energivore) riduzione del 7% degli oneri si sistema, pari al 3% circa della bolletta finale (al netto di iva).

-          per imprese in bassa tensione con una potenza impegnata superiore ai 16,5 kW riduzione del 6% degli oneri di sistema, pari al 2,5 % circa della bolletta finale (al netto di iva).

La riduzione degli oneri è stata coperta dal taglio degli incentivi sulle fonti rinnovabili, varata a fine 2014 con il decreto medesimo, più noto come “spalma incentivi”, che porterà ad un recupero finanziario per circa 500 milioni di Euro.

 

Sono rimaste fuori dalla riduzione le imprese “energivore” (che per contro subiscono un lieve aumento degli oneri rispetto a dicembre), in quanto già beneficiarie di una precedente manovra che aveva già abbassato gli oneri di sistema, e tutte le imprese (ed i clienti domestici) con una potenza impegnata inferiore ai 16,5 kW.

 

In base alle previsioni, risulta in calo per il 2015 e 2016 anche il costo della materia prima energetica, che nelle ultime settimane ha subito una riduzione dell’8% circa rispetto alla media dei prezzi 2014.

 

L’effetto della riduzione è dovuto in larga parte al calo della domanda a fronte di una crescente capacità produttiva, effetto non secondario è stato il calo del petrolio, che oggi ha raggiunto minimi storici, accompagnato da un ennesimo inverno mite.

 

In calo significativo anche il prezzo del gas metano, che dalle attuali quotazioni legate al mercato di tutela (TTF) dovrebbe attestarsi, per il costo della materia prima, fra i 25 ed i 27 centesimi al metro cubo, prezzi che potranno essere ulteriormente ridotti grazie alle convenzioni di Confindustria.


Documenti:

 
 


RICERCA

Confindustria Energia Adriatica Soc. Cons. a r.l.
Contatti